Marco Carta – Necessità Lunatica [Testo Lyrics Video Ufficiale]

Una bellissima auto vintage covertible sfreccia sulla Pacific coast highway, a bordo Marco Carta, le riprese in slow motion e l’oceano sullo sfondo, rendono ancora più suggestiva la sua performance.
La storia si sviluppa attraverso la narrazione di Marco che procede sulla strada costiera che si avvicina man mano alla città di Los Angeles. Una ragazza nel frattempo si sta recando all’ultimo provino, dal modo in cui guarda l’orologio si evince che è in ritardo all’appuntamento più importante della giornata.
Improvvisamente si accorge che la macchina sta perdendo colpi, accosta al bordo della strada, indossa l’abito da sposa e decide di recarsi a piedi al casting, troppo tardi, l’ufficio è già chiuso. La ragazza è seduta sul marciapiede con lo sguardo perso nel vuoto, l’auto di Marco si avvicina a lei lentamente, l’immagine è sospesa nel tempo, si guardano per un istante!!

Video Ufficiale – Necessità Lunatica – Marco Carta

Testo Lyrics – Necessità Lunatica – Marco Carta

non eri tu che promettevi istanti da copione
qualcosa di diverso dalla noia,
non eri tu che m’illudevi coi tuoi modi appariscenti,
ballando tacchi a spillo tra la pioggia
e ti ho incontrata all’improvviso,
la tua macchina non parte
“mi scusi può venire ad aiutarmi”
tu mi hai baciato dopo un’attimo,come se non fosse niente
come prendere un caffè mentre io muoio
ma mi fingo indifferente

sei la canzone che non so cantare,
quella ferita che non so guarire,
la cioccolata che mi fa godere
o forse l’uva a cui non so arrivare
sei l’abitudine che non voglio avere
visto il dolore che mi fai provare
delle mie vite tu la peggiore
proprio per questo sei fondamentale
necessità lunatica

non ero io che interrompevo il senso delle cose
la prepotenza perde di coerenza,
non ero io che cancellavo una vita scritta a mano,
giocando tra due gocce di profumo
e mi hai incontrato all’improvviso
come ne hai incontrati tanti
attori non protagonisti dei tuoi film
ma mi hai baciato dopo un’attimo
come se non fosse niente,
come prendere un caffè mentre io muoio
ma mi fingo indifferente

sei la canzone che non so cantare
quella ferita che non so guarire
la cioccolata che mi fa godere
o forse l’uva a cui non so arrivare
sei l’abitudine che non voglio avere
visto il dolore che mi fai provare
delle mie vite tu la peggiore
proprio per questo sei fondamentale
necessità lunatica
necessità,necessità

sei la canzone che non so cantare
quella ferita che non so guarire
la cioccolata che mi fa godere
o forse l’uva a cui non so arrivare
sei l’abitudine che non voglio avere
visto il dolore che mi fai provare
delle mie vite tu la peggiore
proprio per questo sei fondamentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *