NaziRock – Ragazzi Violenti


Clips dal Documentario Nazirock di Claudio Lazzaro distribuito da Feltrinelli Real Cinema.

Drammatico e sconvolgente…da rimanere senza parole.

L’estrema destra vista dall’interno: la sua musica, i capi, le alleanze, i rituali, lo sdoganamento politico che sta aprendo ai nazifascisti italiani le porte del potere istituzionale.
La destra radicale in Italia può raggiungere il mezzo milione di voti e diventare determinante, in un quadro politico in cui ne bastano 25.000 a decidere chi governerà il Paese. Per questo viene sdoganata.
NAZIROCK racconta questo passaggio politico, usando come filo conduttore le band che infarciscono di testi fascisti la loro musica skin, oi, white power e punkadestra.
l film apre con le immagini dei “due milioni” convocati a Roma dall’opposizione al governo Prodi, il 2 dicembre 2006, ma soprattutto racconta la Nashville dell’estrema destra: una grande manifestazione, organizzata da Forza Nuova, il movimento guidato da Roberto Fiore (condannato a nove anni per banda armata), che si è svolta a Viterbo, nel Lazio, con la partecipazione dei principali gruppi rock assieme a militanti e a leaders provenienti da Spagna, Germania, Francia, Grecia, Libano e Romania.

Visita il sito:
NaziRock

4 pensieri su “NaziRock – Ragazzi Violenti

  1. In democrazia bisogna accettare tutti, sta alla maturità di un popolo emarginare gli estremisti. Negli USA durante la guerra c’era anche il piccolo partito nazionalsocialista, in Francia ed in Italia, durante la guerra fredda esistevano due grandi partiti comunisti stretti alleati del nemico, ma nessuno si è sognato di metterli fuori legge. Il tempo mette fuori legge automaticamente i fanatici.

  2. Sui testi nn c’e’molto da dire,se appartieni a quel movimento o ne sei simpatizzante potranno piacerti,in effetti nn sn del tutto banali,la musica invece,quella si ke lo e’,il mood sembra un incrocio tra quello della”steve rogers band”degli anni 80 e un qualunque gruppo punkabbestia di estrema sinistra come potrebbero essere i”linea77″,come dire ke gli estremi si toccano sempre.

  3. (…) Nazirock di Claudio Lazzaro, secondo capitolo di una trilogia documentaristica iniziata nel 2006 con Camicie verdi – viaggio all’interno della Lega Nord, tenta di dare una parola a chi si cela dietro le parole fascismo e nazismo. Si apre un mondo, come era nelle intenzioni del regista, popolato da contraddizioni e mistificazioni, ignoranza, forme identitarie celebrate nell’uso massiccio della violenza, repressioni di sé (come il ragazzino gay che preferisce vendere una frase educativa di Mussolini od una bandiera con la croce celtica piuttosto che una con la svastica). (…)

    http://noirpink.blogspot.com/2008/06/cinema-nazirock.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *